Afasia

Questa sera sono tanto nervosa che se non scrivo qualcosa esplodo. Eppure sono affetta da un'afasia inaspettata. Checchè se ne dica, dato che qualcosa qui la sto scrivendo.
Mi sento strana. Mi sento ancora più innamorata, forse, ma la paura di fare qualcosa di sbagliato mi attanaglia. E l'idea che lui possa tradirmi, mettendo da parte quello che sono, a prescindere da qualunque rapporto ci leghi. Senza neanche dare spiegazioni.
Io sono pazza. E solo io che mi conosco so esattamente cosa intendo con questo termine, in luogo di altri.
Sai cos'è che mi spaventa, di te? Che nonostante quello che dici di provare nei miei confronti, tu faccia qualcosa come quello che in questi giorni mi fa star tanto male. Che poi alla fine si rivela una caxxata, ma per me importante. Tu questo lo sapevi meglio di chiunque altro. E mi hai ignorato. E io ho paura di questo. Di provare rancore nei tuoi confronti mentre ti amo con tutta me stessa. Ma forse è prematuro dirlo, che ti amo con tutta me stessa. O forse non è molto.

And you could have it all, my empire of dirt.
I will let you down; I will make you hurt.

I wear this crown of thorns upon my liar's chair.
Full of broken thoughts I cannot repair.

Vorrei che mi cantassi "Coming back to me", del cuscino surreale.
E vorrei chiamarti e dirti che ho bisogno di te. Perchè ti amo.

-k-

Afasiaultima modifica: 2005-06-10T02:10:15+02:00da graceful_swan
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Afasia

  1. Grace innamorata :°°)
    Fatti coraggio,quando si è innamorati è normale avere paura…l’amor e è una scommessa,una grande scommessa…e solo il tempo ci dirà se ne vale la pena.
    Dopo un amore che muore c’è sempre un nuovo amore che nasce.
    In bocca al lupo,ti voglio bene :*

  2. In Africa, tutte le mattine, quando sorge il sole, una gazzella muore. Si sveglia già morta, perché si vede che non stava molto bene il giorno prima e allora… comunque, sempre in Africa, tutte le mattine, quando sorge il sole, un leone appena si sveglia comincia a correre per evitare di fare la fine della gazzella che è morta il giorno prima. E poi, correndo, vede che c’è la gazzella morta il giorno prima lì e dice “Che cosa corro a fare? Mi fermo e gli do due mozzicate”. Comunque, dove voglio arrivare? Non è importante che tu sia un crotalo o un pavone. L’importante è che se muori, me lo dici prima. (Aldo, Giovanni e Giacomo in “Così è la vita”)

Lascia un commento