In the land of grey and pink (Caravan)

The Edward Heller Gallery / Pillow
Sono un cuscino, ma meglio di uno normale, perchè respiro, ascolto musica e faccio le pernacchie. E studio penale. Questo magari il cuscino medio preferisce non farlo… Ma a volte i cuscini medi sono proprio dove i cuscini come me vorrebbero essere.
Ieri ho guardato Ben Stiller con Spiderman al mio fianco, sul bicchiere del surrogato del nettare degli dèi del Nuovo Millennio.
Oggi sono una gattina a strisce rosa e fucsia che simula buonumore e lo elargisce, ma dentro non sente assolutamente nulla fuorchè apprensione e un senso di ritardo… Ritardo sugli appuntamenti, ritardo sulle risposte.. Ritardo sul ritmo frenetico della vita, deviato dai binari della mia coscienza.
Scrivo in nero oggi, perchè dopo tanto tempo ho quel tanto di lucidità necessario per mettere insieme due righe inseguendo il flusso di coscienza.
E poi oggi è VENERDI 12, perciò porgo i miei auguri a tutti Rat-Fan.
Lunedi, il patibolo.
Stasera, saluto tutti i miei blog-friends. Perchè non vi leggo da molto. Perchè non ho il tempo di farlo. Perchè per il fatto che vi linko vuol dire che ci tengo a non perdervi di vista. E' solo che IO non sono messa a fuoco. Per ora.
Fletto i muscoli e sono nel vuoto..

-k-

CARAVAN
In the land of grey and pink

In the land of grey and pink where only boy-scouts stop to think
They'll be coming back again, those nasty grumbly grimblies
And they're climbing down your chimney, yes they're trying to get in
Come to take your money – isn't it a sin, they're so thin ?
They've black buckets in the sky, don't leave your dad in the rain
Cigarettes burn bright tonight, they'll all get washed down the drain


So we'll sail away for just one day to the land where the punk weed grows
Won't need any money, just fingers and your toes
And when it's dark our boat will park on a land of warm and green
Pick our fill of punk weed and smoke it till we bleed, that's all we'll need
While sailing back in morning light, we'll wash our teeth in the sea
And when the day gets really bright, we'll go to sea drinking tea


So we'll sail away for just one day to the land where the punk weed grows
Won't need any money, just fingers and your toes
And when it's dark our boat will park on a land of warm and green
Pick our fill of punk weed and smoke it till we bleed, that's all we'll need
They've black buckets in the sky, don't leave your dad in the rain
Cigarettes burn bright tonight, they'll all get washed down the drain

In the land of grey and pink (Caravan)ultima modifica: 2004-11-12T23:37:48+01:00da graceful_swan
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “In the land of grey and pink (Caravan)

  1. dove sei fuggita? la mia cupidigia ti ha tradita. e poi sigarette e dita non migliorano la mia vita. la canzone dove i boy scout pensano il rosa. deviazioni e fuoco a iosa. ti credo golosa. gelosa. spaventosa, nel tuo pensare e pensarti. là dove l’uomo ragno potrebbe mangiarti. ti inseguo vanamente. oggi non piango, stranamente. non sono abbastanza felice per riuscire a farlo. qui le zucche sono farlocche. ed il mio cuore vola a te. i miei capelli e le tue ciocche. amore nel tuo vuoto e nel mio fuoco.

  2. Pillow… Surrealistic Pillow, come il bellissimo cd dei Jefferson Airplane… one begins to read between the pages of a look… che tu sia cuscino o meno, e che in tale immagine ti trovi o no a tuo agio, rimangono i “cieli-coperta ” sopra di te, anche se tempestosi… Ricordati di P. K. Dick, dei miti e di quello che a suo tempo dovrai dirmi…

  3. gli angeli trini. le candele rovesciate. chiamo il tuo pensiero e lo ritrovo tra le cascate. Iguaçu. brasile-argenti na-paraguay. non me ne andrò mai. inchiodato qui. l’invisible qui disparait. chiamami quando vuoi. la tua giovinezza giova alla tristezza. il tuo candore al mio buon umore. staccato. e poi la tua bellezza. tua in te e fuori. la bellezza del mondo.

  4. Tranquilla. Mi sono rifatta a colpi di after hours onirici… ^_^ Anch’io sono piuttosto assente ultimamente, ma sto annaspando in un mare di cose da studiare (meno male che ogni tanto mi adagio sulla zattera del cazzeggio e vengo a scoprire cosa succede dalle tue parti e sugli altri blog). Un bacione! :)sara

  5. il mondo è diverso, il mondo è perverso. ho conosciuto un’artista psichedelica mongola. a parte qualche differenza nella tecnica di bacio per il resto non mi è sembrata meno volgare di me. l’arco di fogazzaro, a sud del deserto mi é parso più vicino al tuo sentire che al mio fuggire. dunque ci sei anche là dove io non sono. waiting for you

  6. a colpi si sabbia mi avvicino al sabba. le streghe sfortunate, le streghe son tornate. quanto sei impegnata e bella. quanto distante dal mio pianeta straniero. sprofondata in quell’italia in cui non ho mai vissuto. ho passato delle settimane a palermo, però. girovagando. a 20 anni. camminavo per ore accecato dal sole. sentivo l’odore delle ragazze che mi sfioravano e sognavo di cambiare la mia vita. invece il sud non mi ha voluto. la mia energia bruciava. divampavano fiamme dai miei occhi allucinati. e scrivevo più di quanto vivessi. per il resto leggevo e camminavo. droga e alcool più tardi. ora è troppo tardi. e sono puro come un canguro. m’inchino infinitamente al tuo essere

Lascia un commento