Stelle cadenti ke non cadono, Quello ke non c’è, e nulla..

ke serata strana… ke giornata, tutta, strana.. studio, musica, e niente. nulla.. nessuna emozione. ho vissuto una

giornata in cui il mondo ha girato con il suo moto perpetuo e mai stanco, e io sono rimasta ferma..

assorbendolo e secernendolo senza neanke rendermene conto.. senza ke rimanga alcunkè in me, nei miei

ricordi, nella mia testa.. nulla. ho navigato alla deriva nel mare dell’esistenza senza mai immergermi

dentro…
Ho perso il gusto, non ha sapore
Quest’alito di angelo che
Mi lecca il cuore…

stasera sono uscita, con sommo stupore di molti, me la prima. volevo vedere pimpy, ma non mi andava di

guardare un film a casa.. volevo respirarlo x provare a sentirne un po’ la vita.. gli ho proposto una birra sulla

spiaggia, a guardare stelle cadenti in una notte purtroppo non poco luminosa, nonostante la spiaggia. questa

città non ha riguardo per chi ancora apprezza momenti di sublime bellezza quali il mare, placido nella sera.. la

brezza, fresca, sulla pelle umida.. le stelle, alte e maestose, illusorie.. e le perseidi, belle e fugaci, ingannevoli..
a volte penso ke le stelle cadenti siano un’invenzione dei sognatori ke cercano di giustificare il loro

romanticismo. io mi definisco una sognatrice, ma non ho mai visto una stella cadente.. forse una, quand’ero

piccola piccola, a casa di una zia ke non sento neanke come tale, in una serata estiva persa da qualke parte nella

mia memoria.. forse sono le stelle cadenti ke non vogliono farsi scorgere da me, x cattiveria, o x pietà, x non

farmi sentire a disagio al momento di esprimere il desiderio, xkè desideri non ho.. pimpy ne ha viste 4, io forse

non le avrei notate neanke se mi fossero precipitate addosso, persa com’ero nel mio nulla interiore.. feto ke

giace all’interno di una placenta invisibile, con occhi miopi che scorgono vaghi contorni attraverso la sottile

membrana ke lo ospita. e un ragazzo stupendo accanto, ma in realtà molto lontano.. come tutti, come tutto

il resto del mondo..
oggi mi sento come l’ubriaco nel Piccolo Principe.. l’uomo ke beve x dimenticare ke beve.. ma con la tristezza.

o apatia.. o ke ne so, non sono affatto in vena di seguire i fragili confini del significato di uno stato

d’animo.
sotto il cielo stellato, le lacrime.
sotto le lacrime, dentro la mia testa, “Quello che non c’è” degli Afterhours, e nessun altro pensiero.

nonostante gli sforzi.
che hai?
nulla..
nulla…

…Perciò io maledico il modo in cui sono fatto

-k-

Stelle cadenti ke non cadono, Quello ke non c’è, e nulla..ultima modifica: 2004-08-10T03:07:38+02:00da graceful_swan
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “Stelle cadenti ke non cadono, Quello ke non c’è, e nulla..

  1. Più che con gli eventi sono alle prese coi non eventi. Cose che dovrebbero succedere e non succedono. A dire la verità un po’ ci credo nel destino… Magari non è tutto scritto e sicuramente possiamo fare molto per influenzare gli eventi che ci riguardano. Però c’è sempre qualcosa che non dipende da noi. Chiamalo destino, chiamala sfortuna, o fortuna, nel migliore dei casi. Tutto ciò a volte fa veramente uscire di testa… Staremo a vedere. Grazie del commento. Ciao.

  2. Come mai sei cosi’ giu? Stai vivendo una delusione? Visto che hai letto il mio post sull’amicizia uomo-donna e , della mia esperienza saprai che anche io non vivo un periodo felicissimo… infatti ho faticato un po’ per scrivere in maniera ottimistica.Bac i, Pf.

  3. Cerca di stare su,Grace…ti sento tanto triste 🙁 ho risposto alla tua mail…
    Pure io mi sento come l’ubriaco nel Piccolo Principe…stas era una birra nn me la toglie nessuno… 😉 Sono abbastanza triste pure io,ma cerco in ogni modo di nn pensarci e di scacciare le paranoie.
    Ti abbraccio forte,buonanott e ;*
    Erika

  4. Prima della moderna psicologia, la depressione veniva chiamata la “febbre fredda” perchè si stava bene,ma si ci sentiva deboli,svogliat i e apatici… purtroppo è sempre esistita e esisterà sempre, anche io per un po’ di motivi mi sentivo quasi preso da questa gelida morsa.. ma sta a noi trovare quella forza e quella voglia per sorridere e sperare nel raggiungere i nostri sogni…. Guardiamo chi è felice non con invidia, ma con l’intento di trovare gli stimoli per arrivare alla felicità e spensieratezza. Un abbraccio, Pf.

Lascia un commento